Articoli

La luce delle Isole Faroe in mostra a Parigi

Dal 14 gennaio al 13 marzo 2022, una grande mostra sull’arte delle Isole Faroe viene presentata a Parigi, alla Maison du Danemark, sugli Champs-Élysées. L’esposizione offre al pubblico uno sguardo sulla luce, la sua importanza e la sua evoluzione nell’arte faroese del XX e XXI secolo attraverso le opere figurative e astratte degli artisti Ingálvur av Reyni, Zacharias Heinesen, Hansina Iversen e Rannvá Kunoy.

Gennaio è uno dei mesi in cui le Isole Faroe ricevono meno luce. In molte parti dell’arcipelago il Sole non è affatto visibile durante i mesi invernali. Con l’arrivo della primavera, invece, la luce è sempre presente. Non c’è da stupirsi, quindi, che la luce sia al centro dell’arte delle Isole Faroe e che la mostra Un éclat de soleil sia dedicata a questa fonte di vita, alla sua importanza ed evoluzione nell’arte faroese degli ultimi due secoli attraverso opere figurative e astratte di alcuni dei suoi maggiori esponenti.

Luce, tra sacro e profano

Il titolo di questa mostra fa riferimento a un inno scritto dal poeta barocco danese Thomas Kingo, che evoca l’oscurità penetrante del Sole. Le opere di Kingo hanno una storia e un significato unici nelle Isole Faroe. I suoi inni venivano cantati non solo nelle chiese e nelle cerimonie, ma anche durante la pesca e altre attività quotidiane.

Attraverso le opere dei quattro pittori faroesi, la mostra Un éclat de soleil presenta l’arte di quest’arcipelago dal punto di vista del trattamento della luce nella pittura contemporanea e le correnti più classiche, che vanno dalle interpretazioni post-impressioniste della luce in natura ai puri colori piatti dell’arte astratta, così come ai dipinti che di per sé sembrano catturare e riflettere la luce.

L’esposizione è accompagnata da un ricco programma di musica, letteratura, cinema, design, gastronomia e arte tradizionale.

Il creautore

Redazione Vivicreativo

Redazione Vivicreativo

Loading Facebook Comments ...