Il sogno dell’Egitto di Rodin

About the Author: Cristina Biordi

Published On: 17 Ottobre 2022

Tempo stimato per la lettura: 3,4 minuti

Per la prima volta, il Museo Rodin di Parigi presenta la relazione tra lo scultore e l’arte egizia. La mostra Sogno dell’Egitto (Rêve d’Égypte), dal 18 ottobre 2022 al 5 marzo 2023, svela il fascino che l’Egitto esercitava su Rodin.

Per l’occasione viene presentata al pubblico la straordinaria collezione egizia dello scultore, composta da più di mille opere del periodo prefaraonico in epoca araba. Inoltre, la mostra beneficia di importanti prestiti dei musei del Louvre, d’Orsay, Bourdelle e da collezionisti privati.

“Essere egiziani” più che ispirarsi all’arte egizia

La mostra Sogno dell’Egitto – curata da Bénédicte Garnier, responsabile della collezione d’antichità di Rodin – presenta un viaggio di oltre 400 oggetti. Tutti restaurati per l’occasione, dialogano con le opere di Auguste Rodin, sculture e disegni, ma anche archivi e fotografie. Obiettivo mettere nel contesto i suoi “amici dell’ultima ora”, come l’artista chiamava gli oggetti d’antiquariato che amava.

L’esposizione evoca anche la risonanza dell’arte egizia nell’opera di Rodin, attraverso la sua ricerca sulla rappresentazione del corpo umano, la semplificazione delle forme, il frammento o la monumentalità — come il Monumento a Balzac (1898) di cui ha detto “Balzac è la Sfinge di Francia”.

La collezione di antiquariato di Rodin al piano terra dell’Hôtel Biron, Eugène Druet
© museo Rodin
La collezione dell’artista messa in scena

Auguste Rodin non ha mai smesso di studiare le arti del passato. Se guardava verso la Grecia, l’Asia o il Medioevo, era anche grande appassionato dell’Egitto. Possedeva una collezione eccezionale, per numero e qualità.

Tra il 1893 e il 1917, Auguste Rodin riunì nella sua villa di Meudon circa mille oggetti egizi che combina alle sculture del suo atelier. Dal 1908, e ancor di più nel 1911-1912, si circondò di opere monumentali e prestigiose per esporle all’Hotel Biron di Parigi, in prefigurazione del futuro Museo Rodin.

Una pagina della storia del mercato dell’arte

Rodin acquista le opere da antiquari e mercanti parigini con sede al Cairo. La mostra è composta da sequenze che si alternano nello studio egiziano di Rodin e il suo museo egizio, alla Villa des Brillants a Meudon e poi all’Hôtel Biron. Il percorso spalanca delle finestre sull’Egitto.

Appaiono figure di contrabbandieri, scrittori, artisti, antiquari ed egittologi, che guidavano l’artista verso l’Egitto nutrendolo di fonti visive, storie o oggetti. La costituzione della collezione dello scultore racconta così la storia del mercato dell’arte e dell’antiquariato dell’epoca.

Bassorilievo dal tempio di Athribis a Wannina, Egitto © museo Rodin
Rodin e l’arte egiziana, il sito

Il sito Rodin e l’arte egiziana è il culmine di 15 anni di ricerche e studi, di 30 persone, su 1.000 opere studiate e restaurate. Riflette la ricchezza della collezione egiziana di Rodin. Il catalogo online è stato realizzato in collaborazione con il Centro di ricerca egittologica alla Sorbona.

Il sito offre una scheda storica dettagliata per ogni opera, immagini dello stato di conservazione e del restauro effettuato. Vengono presentati gli egittologi che hanno lavorato alla collezione di Rodin. Una bibliografia completa le risorse e una cronologia delle dinastie egiziane forniscono i parametri di riferimento necessari.

Articoli recenti

condividi su

Capitale(s): 60 anni di arte urbana a Parigi
TOP SECRET: cinema e spionaggio

Related Posts

Leave A Comment

Il sogno dell’Egitto di Rodin

Published On: 17 Ottobre 2022

About the Author: Cristina Biordi

Tempo stimato per la lettura: 9 minuti

Per la prima volta, il Museo Rodin di Parigi presenta la relazione tra lo scultore e l’arte egizia. La mostra Sogno dell’Egitto (Rêve d’Égypte), dal 18 ottobre 2022 al 5 marzo 2023, svela il fascino che l’Egitto esercitava su Rodin.

Per l’occasione viene presentata al pubblico la straordinaria collezione egizia dello scultore, composta da più di mille opere del periodo prefaraonico in epoca araba. Inoltre, la mostra beneficia di importanti prestiti dei musei del Louvre, d’Orsay, Bourdelle e da collezionisti privati.

“Essere egiziani” più che ispirarsi all’arte egizia

La mostra Sogno dell’Egitto – curata da Bénédicte Garnier, responsabile della collezione d’antichità di Rodin – presenta un viaggio di oltre 400 oggetti. Tutti restaurati per l’occasione, dialogano con le opere di Auguste Rodin, sculture e disegni, ma anche archivi e fotografie. Obiettivo mettere nel contesto i suoi “amici dell’ultima ora”, come l’artista chiamava gli oggetti d’antiquariato che amava.

L’esposizione evoca anche la risonanza dell’arte egizia nell’opera di Rodin, attraverso la sua ricerca sulla rappresentazione del corpo umano, la semplificazione delle forme, il frammento o la monumentalità — come il Monumento a Balzac (1898) di cui ha detto “Balzac è la Sfinge di Francia”.

La collezione di antiquariato di Rodin al piano terra dell’Hôtel Biron, Eugène Druet
© museo Rodin
La collezione dell’artista messa in scena

Auguste Rodin non ha mai smesso di studiare le arti del passato. Se guardava verso la Grecia, l’Asia o il Medioevo, era anche grande appassionato dell’Egitto. Possedeva una collezione eccezionale, per numero e qualità.

Tra il 1893 e il 1917, Auguste Rodin riunì nella sua villa di Meudon circa mille oggetti egizi che combina alle sculture del suo atelier. Dal 1908, e ancor di più nel 1911-1912, si circondò di opere monumentali e prestigiose per esporle all’Hotel Biron di Parigi, in prefigurazione del futuro Museo Rodin.

Una pagina della storia del mercato dell’arte

Rodin acquista le opere da antiquari e mercanti parigini con sede al Cairo. La mostra è composta da sequenze che si alternano nello studio egiziano di Rodin e il suo museo egizio, alla Villa des Brillants a Meudon e poi all’Hôtel Biron. Il percorso spalanca delle finestre sull’Egitto.

Appaiono figure di contrabbandieri, scrittori, artisti, antiquari ed egittologi, che guidavano l’artista verso l’Egitto nutrendolo di fonti visive, storie o oggetti. La costituzione della collezione dello scultore racconta così la storia del mercato dell’arte e dell’antiquariato dell’epoca.

Bassorilievo dal tempio di Athribis a Wannina, Egitto © museo Rodin
Rodin e l’arte egiziana, il sito

Il sito Rodin e l’arte egiziana è il culmine di 15 anni di ricerche e studi, di 30 persone, su 1.000 opere studiate e restaurate. Riflette la ricchezza della collezione egiziana di Rodin. Il catalogo online è stato realizzato in collaborazione con il Centro di ricerca egittologica alla Sorbona.

Il sito offre una scheda storica dettagliata per ogni opera, immagini dello stato di conservazione e del restauro effettuato. Vengono presentati gli egittologi che hanno lavorato alla collezione di Rodin. Una bibliografia completa le risorse e una cronologia delle dinastie egiziane forniscono i parametri di riferimento necessari.