Articoli

Il Barocco in mostra a Palazzo Cipolla

L’arte barocca era un movimento politico prima di essere una corrente artistica: stupire, incantare, travolgere, assoggettare il visitatore e il suo animo allo strapotere della committenza, nella maggior parte dei casi, la Chiesa, questo era il suo scopo principale.

Dal 1 aprile al 26 luglio 2015 Fondazione Roma Museo-Palazzo Cipolla apre le sue porte a una delle mostre più affascinanti della stagione, proprio sull’arte barocca, eccessiva, sfarzosa, magnifica.

Difficile apprezzare, spesso comprendere, tanta grandezza: ma osservando nei corridoi della mostra opere di Vouet, Pietro da Cortona, Reuter, e dell’immenso Bernini (con i bozzetti preparatori delle sue opere più famose, come quello per la Beata Ludovica Albertoni e per il volto dell’estasi di Santa Teresa), non si può rimanere immuni a cotanto fascino.

All’interno della mostra si trovano dipinti, monete, arazzi e sculture, opere dal tema sia sacro che profano, ritratti di grandi personalità storiche e religiose, mani italiane, francesi, fiamminghe, in una parola, il Barocco,  con il suo alone di grandezza, misticismo e imponenza, tramite i forti contrasti di luce, gli studi di proporzione, la perfetta anatomia, la cura del più piccolo dettaglio.

In numerose sale sono presenti anche pannelli integrativi, grazie ai quali è possibile comprendere la sua importanza storica e la centralità di Roma, come capitale indiscussa di cultura, bellezza e potere.

Per poco più di un’ora (tempo – all’incirca – di durata del percorso della mostra) si può percepire ancora l’immensità di un movimento che cambiò per sempre la storia dell’arte e che,  ancora oggi a distanza di 400 anni, riesce a mozzare il fiato.

Sofia Elena Zollo

Il creautore

Redazione Vivicreativo

Redazione Vivicreativo

Loading Facebook Comments ...