Articoli

Le “Resounding Songs” di Vanessa Enríquez

Cristina Biordi
Scritto da Cristina Biordi

Al Drawing Lab di Parigi è possibile visitare, fino al 12 gennaio 2022, l’esposizione Resounding Songs di Vanessa Enríquez, a cura di Frida Robles. Fin dalla notte dei tempi e in tutto il mondo, le più antiche espressioni artistiche sono legate a dei processi spirituali. La maggior parte di essi sono stati scoperti all’interno delle grotte. È in queste che l’uomo si esprime artisticamente per la prima volta con i disegni sulle pareti. La caverna diventa così un archetipo universale di autoriflessione e comunicazione con altri regni. È un ritorno al grembo materno, un luogo oscuro per l’iniziazione a modalità più profonde di conoscenza e d’esistenza.

Resounding Songs vuole essere un ritorno a questa creazione primitiva. Vanessa Enríquez e Frida Robles, immaginano quindi una combinazione di pratiche ancestrali e contributi contemporanei. Il disegno assume qui forme uniche e sorprendenti. L’artista lavora con il nastro magnetico dei VHS come materiale principale. Il risultato sono opere plastiche in cui si intrecciano incisione, disegno e installazione. Vanessa Enríquez afferma di lavorare il nastro «con grande precisione e molta pazienza in un’attività creativa vicina alla meditazione». Per questo motivo, le opere di Resounding Songs assumono una dimensione spirituale.

Usando il cuore della caverna come ambientazione mitologica e punto di ancoraggio, l’artista durante il tempo sospeso dei confinamenti si è dedicata alle pratiche ancestrali del disegno, del canto rituale usando il nastro VHS magnetico come strumento e talismano. L’ambientazione artistica della grotta preistorica invita alla trascendenza, senza barriere spazio-temporali. Le opere assumono forme diverse a seconda del punto di vista. La luce e l’oscuro si alternano, in un gioco di richiami. Inoltre, l’interazione plastica è accompagnata da una colonna sonora di canzoni tradizionali messicane, raccogliendo e assemblando diversi materiali.

La grotta come archetipo, il disegno come rituale

Resounding Songs investe lo spazio espositivo del Drawing Lab trasformandolo in un luogo di passaggio rituale. La mostra è il risultato di un viaggio intenso alla ricerca del silenzio come metafisica dell’essere. Secondo l’insegnamento Zen chiunque si incontra nella vita è un insegnante – se gli si permette di esserlo – così vale lo stesso per i materiali e le situazioni. Qualsiasi materiale e qualsiasi circostanza apre un universo speciale all’indagine artistica.

Quindi, seguendo il suo interesse per transdisciplinarità e un impulso più profondo a lavorare insieme guarigione, Vanessa Enríquez ha invitato un saggista, un cantante, un artista del suono e un ballerino per accompagnarla in un pellegrinaggio nel vuoto, per andare oltre del suo approccio già ampliato al disegno. Impegnandosi in diversi processi di trasformazione: srotolare, appendere, incollare, tessere, cucire, suonare, cantare, si rivelarono molteplici forme e voci organiche.

Messicana di nascita, berlinese d’adozione, l’artista mette al centro del suo lavoro il disegno come pratica contemplativa e d’indagine. Da un lato, una tecnica che permette esplorare la coscienza attraverso gesti ripetitivi e rigorosi; d’altra parte, un metodo d’indagine dei concetti e dei fenomeni proposti dalla fisica e dalle filosofie. Con strumenti che vanno dall’inchiostro a nastro magnetico, dispiega geometrie, su carta o nello spazio, che si riferiscono alla natura multidimensionale della realtà, individuano il tangibile e l’intangibile e sfidano la percezione dello spettatore.

Il creautore

Cristina Biordi

Cristina Biordi

Loading Facebook Comments ...