Post Produzione digitale, l’altra faccia della fotografia

About the Author: Redazione ViviCreativo

Published On: 3 Marzo 2015

Tempo stimato per la lettura: 1,7 minuti

“Davanti all’obiettivo io sono contemporaneamente: quello che io credo di essere, quello che vorrei si creda io sia, quello che il fotografo crede io sia, e quello di cui egli si serve per far mostra della sua arte”

Roland Barthes

La Post-Produzione digitale consiste nell’applicare interventi postumi allo scatto originale effettuato con reflex digitali e non solo. In realtà, altro non è che il “vecchio” sviluppo fotografico delle pellicole in camera oscura e, quindi, di fatto, esiste da sempre.

Con l’avvento del digitale e la creazione di programmi per il foto-ritocco, primo tra tutti Photoshop, oggi è sicuramente più facile mettere mano agli scatti per migliorarli o, in alcuni casi, anche per stravolgerli, aggiungendo o togliendo elementi dalla foto originale; in questo caso sarebbe più idoneo e opportuno parlare di “fotomontaggi”.

La diatriba tra i puristi dello scatto e coloro i quali invece vedono nella post produzione  solo uno strumento per sviluppare al meglio la fotografia grezza, continua nel tempo; in termini tecnici, il file Raw che contraddistingue le reflex digitali dalle altre tipologie di apparecchi fotografici. Che poi, a essere pignoli,  anche il file JPEG, formato prediletto da molti, rappresenta di per sé un’elaborazione che avviene sulla base di algoritmi e formule matematiche, che non rispecchia necessariamente la realtà circostante nel momento dello scatto.

Post-Produrre una foto è parte integrante del processo fotografico, espressione della creatività dell’autore, del suo gusto estetico, della sua specifica interpretazione dell’oggetto in un dato contesto socio-culturale e, in fondo, la foto è essa stessa manipolazione della realtà nell’attimo stesso in cui viene catturata, congelata in un’istantanea, per sempre.

 

Buona luce, e buona “camera chiara”!

Federica Campanile

Articoli recenti

condividi su

TheDress IchnusaTheDress e il real-time marketing
Come riconoscere un messaggio viraleCome riconoscere un messaggio virale
SEOCHECKER TOOL ANALISI SEO

Related Posts

Post Produzione digitale, l’altra faccia della fotografia

Published On: 3 Marzo 2015

About the Author: Redazione ViviCreativo

Tempo stimato per la lettura: 5 minuti

“Davanti all’obiettivo io sono contemporaneamente: quello che io credo di essere, quello che vorrei si creda io sia, quello che il fotografo crede io sia, e quello di cui egli si serve per far mostra della sua arte”

Roland Barthes

La Post-Produzione digitale consiste nell’applicare interventi postumi allo scatto originale effettuato con reflex digitali e non solo. In realtà, altro non è che il “vecchio” sviluppo fotografico delle pellicole in camera oscura e, quindi, di fatto, esiste da sempre.

Con l’avvento del digitale e la creazione di programmi per il foto-ritocco, primo tra tutti Photoshop, oggi è sicuramente più facile mettere mano agli scatti per migliorarli o, in alcuni casi, anche per stravolgerli, aggiungendo o togliendo elementi dalla foto originale; in questo caso sarebbe più idoneo e opportuno parlare di “fotomontaggi”.

La diatriba tra i puristi dello scatto e coloro i quali invece vedono nella post produzione  solo uno strumento per sviluppare al meglio la fotografia grezza, continua nel tempo; in termini tecnici, il file Raw che contraddistingue le reflex digitali dalle altre tipologie di apparecchi fotografici. Che poi, a essere pignoli,  anche il file JPEG, formato prediletto da molti, rappresenta di per sé un’elaborazione che avviene sulla base di algoritmi e formule matematiche, che non rispecchia necessariamente la realtà circostante nel momento dello scatto.

Post-Produrre una foto è parte integrante del processo fotografico, espressione della creatività dell’autore, del suo gusto estetico, della sua specifica interpretazione dell’oggetto in un dato contesto socio-culturale e, in fondo, la foto è essa stessa manipolazione della realtà nell’attimo stesso in cui viene catturata, congelata in un’istantanea, per sempre.

 

Buona luce, e buona “camera chiara”!

Federica Campanile

SEOCHECKER TOOL ANALISI SEO