Gli Impressionisti lungo il corso dell’Oise

About the Author: Cristina Biordi

Published On: 10 Ottobre 2022

Tempo stimato per la lettura: 4,7 minuti

La Valle dell’Oise è una terra d’artisti. A partire del XIX secolo, molti pittori hanno saputo cattura la sua luce così peculiare, il fascino dei suoi borghi, i riflessi dell’acqua del fiume, i campi coltivati, le foreste…

Nell’ambito del progetto dell’associazione Destination Impressionisme della Valle dell’Oise, i musei delle città di L’Isle-Adam, Auvers-sur-Oise e Pontoise propongono la mostra Impressioni lungo l’Oise. Dupré, Daubigny, Pissarro. L’esposizione si tiene, dal 15 ottobre 2022 al 5 febbraio 2023, presso il Museo d’Arte e Storia Louis-Senlecq, il Museo Daubigny e il Museo Camille Pissarro.

Con le loro personalità e i loro talenti, questi tre pittori – Jules Dupré (1811-1889), Charles François Daubigny (1817-1878) e Camille Pissarro (1830 -1903) -, hanno attirato l’attenzione di amici e allievi, trasformando la Valle dell’Oise in un importante centro artistico.

La Valle dell’Oise culla dell’arte paesaggistica

Principale affluente della Senna, di cui molto spesso viene sottolineata l’importanza, l’Oise a volte tende a essere dimenticato nella storia della pittura di paesaggio nel XIX secolo e Novecento. Si tratta, tuttavia, di un passaggio essenziale nella transizione dal pre-Impressionismo di Barbizon agli anni storici del movimento che si svolge principalmente tra Parigi e sulla costa della Normandia.

Durante la seconda metà del XIX° secolo, molti artisti si riunirono la valle dell’Oise, per la sua prossimità a Parigi (oggi a circa un’ora di treno) e per la diversità dei paesaggi particolarmente adatta all’espressione della loro arte. Tutti erano spinti dal desiderio di dipingere i campi di grano all’aria aperta, i pendii boscosi e il fiume dai riflessi scintillanti.

 Jules Dupré (1811-1889) Le Pêcheur

Jules Dupré (1811-1889) Le Pêcheur

Jules Dupré all’Isle-Adam, fedele alla natura

Fu dal 1845 che Jules Dupré si trasferì a L’Isle-Adam. Qui Jules Dupré volle radunare intorno a sé i suoi amici e gli artisti che stimava e che condividevano le sue idee. Tra loro suo fratello Léon-Victor, Auguste Boulard, Pierre-Isidore Bureau e Renet-Tener. Jules Dupré ebbe un ruolo determinante nella storia della pittura di paesaggio nel XIX° secolo.

Infatti, è proprio nei paesaggi della città di Adam e la campagna circostante, che trova quelli che costituiranno gli elementi caratteristici della sua personale iconografia: gli alberi (la foresta nazionale), acqua (l’Oise) e cieli nuvolosi. Sotto il suo pennello la chiave viene liberata e non ci sono più dubbi di assoluta fedeltà alla natura ma di pura pittura, colori, luce ed emozione.

 Charles François Daubigny (1817-1878)

Charles François Daubigny (1817-1878)

L’Auvers-sur-Oise di Charles François Daubigny

Non era lontano da lì, ad Auvers-sur-Oise, Charles François Daubigny – amico di Jules Dupré – si installa nel 1860. L’architettura della città (i vicoli, la chiesa, ecc.), le viste sul fiume e sulla campagna vicina sono stimolanti per l’artista che contribuirà anche al rinnovamento della pittura di paesaggio.

Questo pittore ha segnato profondamente la storia della valle dell’Oise, attirando intorno a sé un grande numero di artisti che vengono a beneficiare del suo insegnamento e del suo senso di ospitalità. Tra loro Charles Beauverie (1839-1924), Léonide Bourges (1838-1909), Paul Jouanny (1839-1924), Emile Lambinet (1815-1877), Eugène Lavieille (1820-1839), lo accompagnano a dipingere en plein aire, offrendoci una testimonianza favolosa dei paesaggi come erano nell’Ottocento e sull’atmosfera che regnava all’epoca ad Auvers.

Camille Pissarro (1830-1903) La Brouette dans un verger, Le Valhermeil, Auvers-sur-Oise

A Pontoise, la rivoluzione estetica di Camille Pissarro

Mentre, Camille Pissarro a Pontoise perseguì questa rivoluzione estetica, in particolare dal chiarimento della sua tavolozza e dalla scelta dei soggetti della vita contadina. Tra il 1866 e il 1883 l’artista realizzò anche più di 350 dipinti molte opere grafiche a Pontoise e dintorni. L’artista ama circondarsi di amici al lavoro. Ne farà addirittura l’essenza della sua evoluzione, continuando per tutta la vita collaborazioni con gli amici e poi con i suoi cinque figli.

Attratto dalla fama di questi maestri, pittori – alcuni molto famosi come Cézanne, Gauguin, Vlaminck e Van Gogh – e altri più confidenziali come Pierre-Isidore Bureau, Auguste Boulard, Renet-Tener, Charles Beauverie o Paul Jouanny, si susseguiranno a L’Isle-Adam, Auvers-sur-Oise e Pontoise.

Una sinergia museale

I musei di queste tre città – tutti e tre i musei di Francia – onorano questi artisti di spicco dalle loro collezioni così come i loro allievi, attraverso la mostra Impressioni lungo l’Oise. Dupré, Daubigny, Pissarro, organizzati in simultanea nelle tre istituzioni.

L’associazione Destination Impressionisme, fondata nel febbraio 2021, ha lo scopo di valorizzare il patrimonio culturale e artistico di questo territorio, tutelarne i paesaggi e sostenere i suoi siti culturali al fine di trasmettere questo patrimonio alle generazioni future.

Immagine d’apertura: Édouard Béliard (1832-1912), Pontoise vue depuis l’écluse, 1873. Pontoise, museo Camille Pissarro.

Articoli recenti

condividi su

copertinaL’eleganza dello sguardo di Laure Albin Guillot
Vue-générale-du-Salon-de-la-céramique-contemporaine-dans-l’Annexe-Art-Déco-de-la-Mairie-du-14e-arrondissementSalone della ceramica contemporanea C14-PARIS

Related Posts

Leave A Comment

Gli Impressionisti lungo il corso dell’Oise

Published On: 10 Ottobre 2022

About the Author: Cristina Biordi

Tempo stimato per la lettura: 13 minuti

La Valle dell’Oise è una terra d’artisti. A partire del XIX secolo, molti pittori hanno saputo cattura la sua luce così peculiare, il fascino dei suoi borghi, i riflessi dell’acqua del fiume, i campi coltivati, le foreste…

Nell’ambito del progetto dell’associazione Destination Impressionisme della Valle dell’Oise, i musei delle città di L’Isle-Adam, Auvers-sur-Oise e Pontoise propongono la mostra Impressioni lungo l’Oise. Dupré, Daubigny, Pissarro. L’esposizione si tiene, dal 15 ottobre 2022 al 5 febbraio 2023, presso il Museo d’Arte e Storia Louis-Senlecq, il Museo Daubigny e il Museo Camille Pissarro.

Con le loro personalità e i loro talenti, questi tre pittori – Jules Dupré (1811-1889), Charles François Daubigny (1817-1878) e Camille Pissarro (1830 -1903) -, hanno attirato l’attenzione di amici e allievi, trasformando la Valle dell’Oise in un importante centro artistico.

La Valle dell’Oise culla dell’arte paesaggistica

Principale affluente della Senna, di cui molto spesso viene sottolineata l’importanza, l’Oise a volte tende a essere dimenticato nella storia della pittura di paesaggio nel XIX secolo e Novecento. Si tratta, tuttavia, di un passaggio essenziale nella transizione dal pre-Impressionismo di Barbizon agli anni storici del movimento che si svolge principalmente tra Parigi e sulla costa della Normandia.

Durante la seconda metà del XIX° secolo, molti artisti si riunirono la valle dell’Oise, per la sua prossimità a Parigi (oggi a circa un’ora di treno) e per la diversità dei paesaggi particolarmente adatta all’espressione della loro arte. Tutti erano spinti dal desiderio di dipingere i campi di grano all’aria aperta, i pendii boscosi e il fiume dai riflessi scintillanti.

 Jules Dupré (1811-1889) Le Pêcheur

Jules Dupré (1811-1889) Le Pêcheur

Jules Dupré all’Isle-Adam, fedele alla natura

Fu dal 1845 che Jules Dupré si trasferì a L’Isle-Adam. Qui Jules Dupré volle radunare intorno a sé i suoi amici e gli artisti che stimava e che condividevano le sue idee. Tra loro suo fratello Léon-Victor, Auguste Boulard, Pierre-Isidore Bureau e Renet-Tener. Jules Dupré ebbe un ruolo determinante nella storia della pittura di paesaggio nel XIX° secolo.

Infatti, è proprio nei paesaggi della città di Adam e la campagna circostante, che trova quelli che costituiranno gli elementi caratteristici della sua personale iconografia: gli alberi (la foresta nazionale), acqua (l’Oise) e cieli nuvolosi. Sotto il suo pennello la chiave viene liberata e non ci sono più dubbi di assoluta fedeltà alla natura ma di pura pittura, colori, luce ed emozione.

 Charles François Daubigny (1817-1878)

Charles François Daubigny (1817-1878)

L’Auvers-sur-Oise di Charles François Daubigny

Non era lontano da lì, ad Auvers-sur-Oise, Charles François Daubigny – amico di Jules Dupré – si installa nel 1860. L’architettura della città (i vicoli, la chiesa, ecc.), le viste sul fiume e sulla campagna vicina sono stimolanti per l’artista che contribuirà anche al rinnovamento della pittura di paesaggio.

Questo pittore ha segnato profondamente la storia della valle dell’Oise, attirando intorno a sé un grande numero di artisti che vengono a beneficiare del suo insegnamento e del suo senso di ospitalità. Tra loro Charles Beauverie (1839-1924), Léonide Bourges (1838-1909), Paul Jouanny (1839-1924), Emile Lambinet (1815-1877), Eugène Lavieille (1820-1839), lo accompagnano a dipingere en plein aire, offrendoci una testimonianza favolosa dei paesaggi come erano nell’Ottocento e sull’atmosfera che regnava all’epoca ad Auvers.

Camille Pissarro (1830-1903) La Brouette dans un verger, Le Valhermeil, Auvers-sur-Oise

A Pontoise, la rivoluzione estetica di Camille Pissarro

Mentre, Camille Pissarro a Pontoise perseguì questa rivoluzione estetica, in particolare dal chiarimento della sua tavolozza e dalla scelta dei soggetti della vita contadina. Tra il 1866 e il 1883 l’artista realizzò anche più di 350 dipinti molte opere grafiche a Pontoise e dintorni. L’artista ama circondarsi di amici al lavoro. Ne farà addirittura l’essenza della sua evoluzione, continuando per tutta la vita collaborazioni con gli amici e poi con i suoi cinque figli.

Attratto dalla fama di questi maestri, pittori – alcuni molto famosi come Cézanne, Gauguin, Vlaminck e Van Gogh – e altri più confidenziali come Pierre-Isidore Bureau, Auguste Boulard, Renet-Tener, Charles Beauverie o Paul Jouanny, si susseguiranno a L’Isle-Adam, Auvers-sur-Oise e Pontoise.

Una sinergia museale

I musei di queste tre città – tutti e tre i musei di Francia – onorano questi artisti di spicco dalle loro collezioni così come i loro allievi, attraverso la mostra Impressioni lungo l’Oise. Dupré, Daubigny, Pissarro, organizzati in simultanea nelle tre istituzioni.

L’associazione Destination Impressionisme, fondata nel febbraio 2021, ha lo scopo di valorizzare il patrimonio culturale e artistico di questo territorio, tutelarne i paesaggi e sostenere i suoi siti culturali al fine di trasmettere questo patrimonio alle generazioni future.

Immagine d’apertura: Édouard Béliard (1832-1912), Pontoise vue depuis l’écluse, 1873. Pontoise, museo Camille Pissarro.