Articoli

#IPianiDelPalazzo di questa settimana

Cristina Biordi
Scritto da Cristina Biordi

Per #IPianiDelPalazzo, il progetto digitale che accompagna i visitatori attraverso gli spazi del Palazzo delle Esposizioni, il palinsesto online di questa settimana ha come ospite speciale la Quadriennale d’Arte 2020 di Roma nella rubrica #FuoridaiPiani e per celerare la Giornata della Memoria, il documentario Testimoni dei Testimoni 2021.

Prorogata fino alla primavera 2021, la Quadriennale d’arte 2020 FUORI è visitabile online, dove uno speciale tour a 360° accompagna alla scoperta delle sale del Palazzo e dei 43 artisti ospitati. Sui canali social, YouTube e Spotify continuano le rubriche: il lunedì e il venerdì Fuorifocus, racconto fotografico delle opere in mostra; il martedì e il sabato Partita doppia dello storyteller Luca Scarlini e Fuoritutto, serie di visite guidate con i curatori; continuano il mercoledì le interviste agli artisti di Non solo performing arts, a cura di Monica Bartocci, su RAI Radio Live; giovedì e venerdì Fuoritesto, percorso tra le pagine del catalogo Treccani. Il sabato, in collaborazione con ENI, Intemporaneo, raccolta di trailer sulla storia dei linguaggi artistici e You Art, un contest sull’arte contemporanea. La domenica su Spotify e Instagram, le playlist musicali selezionate dai protagonisti di questa Quadriennale. 

Gli appuntamenti della settimana

Lunedì 25 gennaio: tornano i Consigli di Lettura dallo Scaffale d’arte un viaggio tra le pagine della biblioteca illustrata di Palazzo delle Esposizioni, questo appuntamento è dedicato ai libri senza parole che raccontano i musei.

Martedì 26 gennaio: Giuseppe Garrera, curatore di Tecniche d’evasione, analizza il catalogo della mostra soffermandosi sull’opera Negative Star di Gábor Attalai.


Mercoledì 27 gennaio: in occasione della Giornata della Memoria, il Palazzo delle Esposizioni presenta il documentario Testimoni dei Testimoni 2021 realizzato da Studio Azzurro grazie al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. Il progetto sarà presentato in contemporanea sui canali degli Istituti di cultura italiana all’estero e attraverso la rete culturale e diplomatico consolare del Ministero.

Il documentario si fa carico di più forme di memoria, le intreccia in un tessuto stratificato, simile a quello con cui si costruisce naturalmente la memoria personale di ognuno: immagini mute che si incaricano di mostrare il punto di non ritorno dell’incontro con la realtà indicibile di ciò che è stato, con il visibile ma anche con l’invisibile, custodito dalle voci dei testimoni sopravvissuti, tra cui Sami Modiano e Tatiana Bucci, che, insieme ad altri, hanno fisicamente incontrato gli studenti nei Viaggi della Memoria.

I protagonisti ci porgono quello che non abbiamo potuto vedere e che, senza le loro voci spezzate, si sarebbe perduto nel vischioso lago della dimenticanza. A fare da controcanto, le voci e i volti degli studenti di oggi che dichiarano la loro intenzione di salvarci proprio dalla letale dimenticanza di quanto accaduto, consapevoli che solo con l’assunzione della memoria di chi ha vissuto si può tentare di dare forma e sostanza all’azione quotidiana che costruisce una possibilità di futuro che non replichi quello che è stato. 

Giovedì 28 gennaio: per la rubrica #PdE Remix l’incontro con Carlo Alberto Redi Dalla descrizione alla sintesi del vivente, tenutosi a Palazzo delle Esposizioni in occasione della mostra DNA. Il grande libro della vita da Mendel alla genomica.  

Il creautore

Cristina Biordi

Cristina Biordi

Loading Facebook Comments ...