SCIAME: dalla parte delle api

About the Author: Redazione Vivicreativo

Published On: 29 Settembre 2022

Tempo stimato per la lettura: 1,7 minuti

Le api stanno scomparendo, a causa dell’agricoltura intensiva, dell’uso di sostanze chimiche, della presenza di parassiti, degli effetti disastrosi delle monocolture, del calabrone asiatico, ecc.

La disparizione delle api: una minaccia globale

In Europa, negli ultimi due decenni, il loro numero si è ridotto del 70% e la durata media della loro vita è notevolmente diminuita. Un terzo dell’alimentazione mondiale dipende dall’impollinazione.

Affinché le api e gli impollinatori sopravvivano ai pesticidi, alla perdita di biodiversità e al riscaldamento globale, è importante agire, e ora!

SCIAME vola in soccorso delle api

A Milano, venerdì 30 settembre 2022, a Farini.Work per Green Week Milano, Claudia Zanfi, direttrice di GREEN ISLAND, presenta il collettivo SCIAME. Autrice del libro Green Island le api, l’arte, la città alveari urbani, Claudia Zanfi ha deciso di dar vita al primo collettivo per la salvaguardia delle api e della biodiversità in tutte le sue forme.

SCIAME comprende apicoltrici, giornaliste, botaniche, docenti universitarie, designer, artiste e scrittrici. Il collettivo, al momento femminile, è aperto a chiunque voglia operare per trovare delle soluzioni innovative per coinvolgere i cittadini, le istituzioni, le imprese, nella protezione delle api e degli impollinatori. Il suo slogan: “bee the change”.

Sensibilizzare attraverso azioni artistiche

“Art as nature. City as a garden”. L’obiettivo è diffondere buone pratiche, prendersi cura degli impollinatori, riconoscere erbe mellifere, dare spazio all’arte e all’artigianato, progettare momenti di formazione e di sensibilizzazione.

SCIAME vuole essere un osservatorio in grado di dare vita a ricerche, eventi, mostre, che andranno ad inserirsi nel flusso delle città, per uno sviluppo urbano sostenibile. Per lasciare un patrimonio culturale e educativo utile alle generazioni future.

Articoli recenti

condividi su

Legacy CLegacy: la memoria familiare di Ristelhueber e Giacometti
Cera-TogliattiMario Carnicelli vince il Premio Viviane Esders

Related Posts

Leave A Comment

SCIAME: dalla parte delle api

Published On: 29 Settembre 2022

About the Author: Redazione Vivicreativo

Tempo stimato per la lettura: 4 minuti

Le api stanno scomparendo, a causa dell’agricoltura intensiva, dell’uso di sostanze chimiche, della presenza di parassiti, degli effetti disastrosi delle monocolture, del calabrone asiatico, ecc.

La disparizione delle api: una minaccia globale

In Europa, negli ultimi due decenni, il loro numero si è ridotto del 70% e la durata media della loro vita è notevolmente diminuita. Un terzo dell’alimentazione mondiale dipende dall’impollinazione.

Affinché le api e gli impollinatori sopravvivano ai pesticidi, alla perdita di biodiversità e al riscaldamento globale, è importante agire, e ora!

SCIAME vola in soccorso delle api

A Milano, venerdì 30 settembre 2022, a Farini.Work per Green Week Milano, Claudia Zanfi, direttrice di GREEN ISLAND, presenta il collettivo SCIAME. Autrice del libro Green Island le api, l’arte, la città alveari urbani, Claudia Zanfi ha deciso di dar vita al primo collettivo per la salvaguardia delle api e della biodiversità in tutte le sue forme.

SCIAME comprende apicoltrici, giornaliste, botaniche, docenti universitarie, designer, artiste e scrittrici. Il collettivo, al momento femminile, è aperto a chiunque voglia operare per trovare delle soluzioni innovative per coinvolgere i cittadini, le istituzioni, le imprese, nella protezione delle api e degli impollinatori. Il suo slogan: “bee the change”.

Sensibilizzare attraverso azioni artistiche

“Art as nature. City as a garden”. L’obiettivo è diffondere buone pratiche, prendersi cura degli impollinatori, riconoscere erbe mellifere, dare spazio all’arte e all’artigianato, progettare momenti di formazione e di sensibilizzazione.

SCIAME vuole essere un osservatorio in grado di dare vita a ricerche, eventi, mostre, che andranno ad inserirsi nel flusso delle città, per uno sviluppo urbano sostenibile. Per lasciare un patrimonio culturale e educativo utile alle generazioni future.