Articoli

Una mostra per ricordare che le persone hanno il potere

Oggi 3 maggio si celebra la Giornata mondiale della libertà di stampa, e per quest’occasione la Cité internationale universitaire di Parigi ospita, fino al 30 maggio, la mostra “PEOPLE POWER: testimonianze dei movimenti di protesta dal 1957”. Su richiesta dell’Ambasciata dei Paesi Bassi, la Cité internationale universitaire di Parigi diventa una delle tappe del tour di questa mostra per i valori della pace, l’unione di culture e l’apertura al mondo che l’istituzione rappresenta.

Le foto sono esposte sulle inferriate esterne della città universitaria, in modo da essere viste gratuitamente, in ogni momento della giornata (rispettando gli orari del coprifuoco), dagli studenti e dal maggior numero di persone possibile. La mostra rappresenta il culmine di una partnership tra la World Press Photo Foundation, il Regno dei Paesi Bassi e l’UNESCO.

Dopo un tour mondiale, l’esposizione si ferma per la prima volta in Francia. Nel 1957, il World Press Photo of the Year mostrava Dorothy Counts, la prima studentessa afroamericana ad iscriversi alla Harry Harding High School di Charlotte, nella Carolina del Nord, molestata dai manifestanti razzisti il primo giorno di scuola. La folla le lancia pietre, le grida di tornare da dove è venuta. Di fronte a questa ostilità, l’approccio di Dorothy Counts ha contribuito a porre fine alla segregazione nelle scuole negli Stati Uniti meridionali.

Dal 2019, il mondo è stato testimone di un’ondata di protesta che continua a crescere e diffondersi in più paesi. Violente proteste contro la giunta militare in Birmania, proteste in tutto il mondo dopo la morte di George Floyd, manifestazioni contro la corruzione in Libano, proteste separatiste in Spagna, marce per la democrazia a Hong Kong, proteste contro le disuguaglianze in Cile o movimento “gilet gialli” in Francia, ovunque i cittadini si sono attivati per esprimere le proprie preoccupazioni, difendere le proprie libertà e garantire il rispetto dei propri diritti.

THE REBELLION AGAINST NEOLIBERALISM
Fabio Bucciarelli, per L’Espresso
vincitore del WORLD PRESS PHOTO 2020

Negli anni la giuria indipendente del World Press Photo Competition ha premiato numerose immagini di proteste, a cominciare dalla foto di Dorothy Counts. Alcune, come la foto del 1990 scattata in piazza Tienanmen, sono diventate dei simboli mondiali del potere delle persone.

In questa mostra a cielo aperto, si potranno ammirare due delle foto premiate in questa edizione 2021: quella di Evelyn Hockstein, (Stati Uniti), per il Washington Post che mostra un uomo e una donna in disaccordo sulla rimozione dell’Emancipation Memorial situato a Lincoln Park a Washington DC e quella di Ernesto Benavides, in rappresentanza di un sostenitore del deposto presidente Martin Vizcarra che sventola una bandiera peruviana a Lima, durante le proteste che sono continuate dopo il coprifuoco delle 23:00 imposto a causa della pandemia COVID-19.

«Non puoi mai prevedere i risultati di un’azione, ma se non fai nulla non ci sarà alcun risultato.» – Mahatma Gandhi

Inoltre, l’esposizione ha lo scopo di ricordare al pubblico il ruolo determinate dei fotoreporter, nella nostra epoca più che mai. I recenti sviluppi tecnologici hanno aumentato il ruolo dell’immagine nella comunicazione. Innumerevoli foto vengono scattate e condivise in tutto il mondo in ogni momento. Ma solo i fotografi professionisti hanno la creatività della mente, le capacità tecniche e il genio della narrazione per rendere una foto accattivante, emozionante e potente. In un momento in cui la libertà di stampa è minacciata in tutti i paesi, si sente più che mai bisogno di questi professionisti per rivelare senza paura o compiacimento il mondo e la sua realtà.

Il creautore

Redazione Vivicreativo

Redazione Vivicreativo

Loading Facebook Comments ...