La vita e la cultura a Roma tra la fine degli anni Venti e il 1940

About the Author: Redazione ViviCreativo

Published On: 2 Gennaio 2023

Tempo stimato per la lettura: 2 minuti

I Romanisti. Cenacoli e vita artistica da Trastevere al Tridente (1929 – 1940) è l’esposizione in corso, fino a 4 giugno 2023, presso il Museo di Roma in Trastevere. La mostra, a cura di Roberta Perfetti e Silvia Telmon, presenta La vita e la cultura a Roma tra la fine degli anni Venti e il 1940, nella prospettiva specifica dei “Romanisti”, ossia studiosi, accademici e cultori della città.

L’amore per la città eterna

Nel decennio 1929-1940 prendono vita e si diffondono, in diversi cenacoli e salotti letterari della capitale, l’appassionato studio e la vivace promozione della cultura “romanista”, intesa nella più ampia accezione dei fenomeni letterari, artistici, antiquari e di spettacolo. Ne sono promotori numerosi intellettuali romani e stranieri, costituitisi spontaneamente in un circolo di amici – inizialmente conosciuti come Romani della Cisterna.

Questi accrescendosi per tappe successive con altri apporti, acquisiranno una fisionomia stabile alla fine degli anni Trenta e costituiranno ufficialmente il sodalizio denominato “Gruppo dei Romanisti”. Gli aderenti al Gruppo sono decisi ad operare per il progresso degli studi su Roma e la loro divulgazione e per mantenere vivo, in ogni campo, lo spirito della romanità, mettendone in luce il patrimonio storico-artistico, le vicende, gli uomini illustri, le tradizioni, il dialetto.

La mostra e gli incontri

Il percorso espositivo è articolato in cinque sezioni e circa cento opere tra pittura, scultura, grafica, fotografia e documenti, provenienti in gran parte dal Museo di Roma, dalla Galleria d’Arte Moderna, dal Museo di Roma in Trastevere e dai Fondi Trilussa della Sovrintendenza Capitolina e dall’archivio del Gruppo dei Romanisti.

A corredo della mostra, da gennaio a maggio 2023, verrà proposto anche il ciclo di incontri “Il Gruppo dei Romanisti si racconta“, ideato e coordinato da Donato Tamblé, presidente del Gruppo dei Romanisti. Questo programma di conferenze, reading e concerti offrirà l’occasione per approfondire l’orizzonte documentario e narrativo del mondo dei Romanisti fino ai giorni nostri.

Articoli recenti

condividi su

La Valle di Fabrice Hyber: dipingere è come seminare
Monna Lisa, Lisa! L'esposizione collettiva
SEOCHECKER TOOL ANALISI SEO

Related Posts

La vita e la cultura a Roma tra la fine degli anni Venti e il 1940

Published On: 2 Gennaio 2023

About the Author: Redazione ViviCreativo

Tempo stimato per la lettura: 5 minuti

I Romanisti. Cenacoli e vita artistica da Trastevere al Tridente (1929 – 1940) è l’esposizione in corso, fino a 4 giugno 2023, presso il Museo di Roma in Trastevere. La mostra, a cura di Roberta Perfetti e Silvia Telmon, presenta La vita e la cultura a Roma tra la fine degli anni Venti e il 1940, nella prospettiva specifica dei “Romanisti”, ossia studiosi, accademici e cultori della città.

L’amore per la città eterna

Nel decennio 1929-1940 prendono vita e si diffondono, in diversi cenacoli e salotti letterari della capitale, l’appassionato studio e la vivace promozione della cultura “romanista”, intesa nella più ampia accezione dei fenomeni letterari, artistici, antiquari e di spettacolo. Ne sono promotori numerosi intellettuali romani e stranieri, costituitisi spontaneamente in un circolo di amici – inizialmente conosciuti come Romani della Cisterna.

Questi accrescendosi per tappe successive con altri apporti, acquisiranno una fisionomia stabile alla fine degli anni Trenta e costituiranno ufficialmente il sodalizio denominato “Gruppo dei Romanisti”. Gli aderenti al Gruppo sono decisi ad operare per il progresso degli studi su Roma e la loro divulgazione e per mantenere vivo, in ogni campo, lo spirito della romanità, mettendone in luce il patrimonio storico-artistico, le vicende, gli uomini illustri, le tradizioni, il dialetto.

La mostra e gli incontri

Il percorso espositivo è articolato in cinque sezioni e circa cento opere tra pittura, scultura, grafica, fotografia e documenti, provenienti in gran parte dal Museo di Roma, dalla Galleria d’Arte Moderna, dal Museo di Roma in Trastevere e dai Fondi Trilussa della Sovrintendenza Capitolina e dall’archivio del Gruppo dei Romanisti.

A corredo della mostra, da gennaio a maggio 2023, verrà proposto anche il ciclo di incontri “Il Gruppo dei Romanisti si racconta“, ideato e coordinato da Donato Tamblé, presidente del Gruppo dei Romanisti. Questo programma di conferenze, reading e concerti offrirà l’occasione per approfondire l’orizzonte documentario e narrativo del mondo dei Romanisti fino ai giorni nostri.

SEOCHECKER TOOL ANALISI SEO