La scrittrice Paola Romano, l’intervista alla finalista della Biennale MArteLive

About the Author: Alessia

Published On: 20 Luglio 2019

Tempo stimato per la lettura: 3,7 minuti

Mi chiamo Paola Romano, sono nata in un sabato afoso del giugno 1988 a Formia (Lt). Da sempre appassionata di cinema e letteratura, dopo la laurea in Lettere Moderne (all’Università “La Sapienza” di Roma) e un Master per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri (all’Università degli Studi di Milano), ho deciso di fare quello per cui sono nata: scrivere. Ho frequentato quindi il corso biennale di Sceneggiatura della Scuola Internazionale di Comics di Napoli, che ho concluso nel 2014, e il corso di Regia della scuola di cinema Pigrecoemme, sempre a Napoli. Ho scritto e sceneggiato diverse storie a fumetti autoprodotte e collaborato come aiuto regista alla realizzazione di alcuni videoclip musicali; ho inoltre realizzato, come regista e sceneggiatrice, due cortometraggi: “Riverberi” (2013) e “Cosa mi aspetta nella direzione che non prendo?” (2014). Ho scritto due libri di poesie, “Storie di una bambina immaginaria”, edito da DeCom porre Edizioni (2015) e “Punti di Fuga”, edito da AliRibelli (2018). Ho vinto diversi premi letterari (tra i quali il “Premio Nazionale Letteratura Italiana Contemporanea Laura Capone Editore” nell’anno 2015 e 2016) e partecipato a numerosi Festival di poesia e letteratura in giro per l’Italia; ho ricevuto un attestato di merito dal CET Scuola Autori di Mogol, che ha pubblicato alcune mie opere nell’antologia della Scuola. Collaboro inoltre, come giornalista, con l’emittente radiofonica “Radio Tirreno Centrale” e con il periodico V News. Continuo a scrivere sempre racconti, canzoni, poesie e pensieri sparsi, che pubblico sul mio blog e sulla mia pagina Facebook, “La Piuma Rossa”

Ci racconti l’esperienza con MArteLive? Perché hai deciso di partecipare e quali sono le tue aspettative sulla finale?
Ho deciso di partecipare a MArteLive perché è sempre stimolante e gratificante partecipare ad iniziative artistiche e culturali e soprattutto perché eventi come questo permettono di entrare in contatto con artisti che condividono le stesse passioni e lo scambio di emozioni è fondamentale per alimentare la propria creatività. È stata un’esperienza molto emozionante e intensa, e, comunque vada, una fantastica occasione di confronto e di crescita artistica e personale.

Come si sta sviluppando la tua attività artistica?
Oltre alle poesie, mi sto dedicando alla scrittura di un romanzo – che ha come tematiche la situazione di precarietà economica e a volte emotiva dei giovani e i cambiamenti fisici ed emozionali che avvengono dall’età adolescenziale fino alla soglia dei trent’anni – alla sceneggiatura e regia di un cortometraggio distopico e alla sceneggiatura per fumetti: insieme al disegnatore con cui collaboro, infatti, sto lavorando a due graphic novel, una di ambientazione cyberpunk e l’altra pop underground.

Cosa significa per te la parola creatività?
Per me creatività significa non avere timore di rompere le regole esistenti e di affermare la propria visione del mondo.

Se non avessi fatto questo lavoro, cosa avresti voluto svolgere?
In realtà, sono laureata in Lettere Moderne e non escludo che in futuro possa trovarmi dietro ad una cattedra a cercare di trasmettere la mia passione per la poesia e la letteratura.

Quale artista del passato o del presente, è stato per te fonte di ammirazione e ispirazione?
Difficile nominare una persona soltanto, ci sono svariati artisti che ammiro e che ispirano la mia attività artistica in base alle diverse modalità e ai momenti in cui essa si esplica. Ne indico solo alcuni, appartenenti ad ambiti diversi: Pier Paolo Pasolini, Dacia Maraini, Manu Larcenet, Andrea Pazienza, Erika Lust, Soraya Chemaly e Margaret Atwood.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Ho in cantiere una nuova raccolta di poesie, un cortometraggio, un romanzo e due graphic novel che mi auguro vedano presto la luce.

Articoli recenti

condividi su

creatività liquidaCreatività Liquida: Mulholland Drive by Gian Paolo Di Pierro
Ripartire dalla bellezza nel borgo di Somma Vesuviana, l'Alma Memoria dello street artist Francisco Bosoletti
SEOCHECKER TOOL ANALISI SEO

Related Posts

La scrittrice Paola Romano, l’intervista alla finalista della Biennale MArteLive

Published On: 20 Luglio 2019

About the Author: Alessia

Tempo stimato per la lettura: 10 minuti

Mi chiamo Paola Romano, sono nata in un sabato afoso del giugno 1988 a Formia (Lt). Da sempre appassionata di cinema e letteratura, dopo la laurea in Lettere Moderne (all’Università “La Sapienza” di Roma) e un Master per l’insegnamento dell’italiano agli stranieri (all’Università degli Studi di Milano), ho deciso di fare quello per cui sono nata: scrivere. Ho frequentato quindi il corso biennale di Sceneggiatura della Scuola Internazionale di Comics di Napoli, che ho concluso nel 2014, e il corso di Regia della scuola di cinema Pigrecoemme, sempre a Napoli. Ho scritto e sceneggiato diverse storie a fumetti autoprodotte e collaborato come aiuto regista alla realizzazione di alcuni videoclip musicali; ho inoltre realizzato, come regista e sceneggiatrice, due cortometraggi: “Riverberi” (2013) e “Cosa mi aspetta nella direzione che non prendo?” (2014). Ho scritto due libri di poesie, “Storie di una bambina immaginaria”, edito da DeCom porre Edizioni (2015) e “Punti di Fuga”, edito da AliRibelli (2018). Ho vinto diversi premi letterari (tra i quali il “Premio Nazionale Letteratura Italiana Contemporanea Laura Capone Editore” nell’anno 2015 e 2016) e partecipato a numerosi Festival di poesia e letteratura in giro per l’Italia; ho ricevuto un attestato di merito dal CET Scuola Autori di Mogol, che ha pubblicato alcune mie opere nell’antologia della Scuola. Collaboro inoltre, come giornalista, con l’emittente radiofonica “Radio Tirreno Centrale” e con il periodico V News. Continuo a scrivere sempre racconti, canzoni, poesie e pensieri sparsi, che pubblico sul mio blog e sulla mia pagina Facebook, “La Piuma Rossa”

Ci racconti l’esperienza con MArteLive? Perché hai deciso di partecipare e quali sono le tue aspettative sulla finale?
Ho deciso di partecipare a MArteLive perché è sempre stimolante e gratificante partecipare ad iniziative artistiche e culturali e soprattutto perché eventi come questo permettono di entrare in contatto con artisti che condividono le stesse passioni e lo scambio di emozioni è fondamentale per alimentare la propria creatività. È stata un’esperienza molto emozionante e intensa, e, comunque vada, una fantastica occasione di confronto e di crescita artistica e personale.

Come si sta sviluppando la tua attività artistica?
Oltre alle poesie, mi sto dedicando alla scrittura di un romanzo – che ha come tematiche la situazione di precarietà economica e a volte emotiva dei giovani e i cambiamenti fisici ed emozionali che avvengono dall’età adolescenziale fino alla soglia dei trent’anni – alla sceneggiatura e regia di un cortometraggio distopico e alla sceneggiatura per fumetti: insieme al disegnatore con cui collaboro, infatti, sto lavorando a due graphic novel, una di ambientazione cyberpunk e l’altra pop underground.

Cosa significa per te la parola creatività?
Per me creatività significa non avere timore di rompere le regole esistenti e di affermare la propria visione del mondo.

Se non avessi fatto questo lavoro, cosa avresti voluto svolgere?
In realtà, sono laureata in Lettere Moderne e non escludo che in futuro possa trovarmi dietro ad una cattedra a cercare di trasmettere la mia passione per la poesia e la letteratura.

Quale artista del passato o del presente, è stato per te fonte di ammirazione e ispirazione?
Difficile nominare una persona soltanto, ci sono svariati artisti che ammiro e che ispirano la mia attività artistica in base alle diverse modalità e ai momenti in cui essa si esplica. Ne indico solo alcuni, appartenenti ad ambiti diversi: Pier Paolo Pasolini, Dacia Maraini, Manu Larcenet, Andrea Pazienza, Erika Lust, Soraya Chemaly e Margaret Atwood.

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Ho in cantiere una nuova raccolta di poesie, un cortometraggio, un romanzo e due graphic novel che mi auguro vedano presto la luce.

SEOCHECKER TOOL ANALISI SEO