Interviste

Alicia Andrei, una creatrice di bijoux al Grand Palais di Parigi

di Cristina Biordi

Alicia Andrei, grafica e illustratrice freelance parigina, ma soprattutto creatrice dell’omonimo marchio francese di gioielli in legno che rispecchiano il suo universo grafico e colorato.
Nata nelle Ville Lumière, dopo aver studiato graphic design a Bruxelles, è rientrata nella capitale francese per lavorare come grafica. Il desiderio di dipingere, di fare qualcosa di manuale lo aveva in testa da un po’ di tempo. Inoltre, il legno come materiale nobile l’ha sempre attratta. Nel 2014, ha iniziato a creare gioielli in legno realizzati e dipinti interamente a mano, unendo così i suoi desideri. Grazie alla partecipazione al mercato dei designer dell’hotel Bohème, nell’ottobre 2015, si è fatta notare e ha iniziato a sviluppare il proprio marchio di gioielli, continuando parallelamente a lavorare come grafica fino a quando, nel 2017, ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alle sue creazioni.
Le sue opere oggi sono in vendita in alcuni dei maggiori musei parigini, come il Grand Palais, che ha invitato Alicia Andrei a ideare una linea di bijoux ad hoc, da lei intitolata “Propaganda”, per l’esposizione evento Rosso. Arte e utopia nel paese dei sovietici (20 marzo-1° luglio 2019), che presenta una serie di opere russe, ma non solo, concepite in un contesto sociale e politico particolare che va dalla rivoluzione d’Ottobre, nel 1917, fino alla morte di Stalin, nel 1953.

Com’è nata la collaborazione con il Grand Palais?
Nel 2018, avevo già lavorato per il Centro Pompidou per l’esposizione “Chagall, Lissitzky, Malévitch…”, concependo dei gioielli ispirati alle opere di quest’immensi artisti russi. Grazie a questa partecipazione, il Grand Palais mi ha invitata a creare una nuova collezione di bijoux. Per la mostra “Rosso. Arte e utopia nel paese dei sovietici”, ho realizzato una collana, due spille, un paio di orecchini, che sono venduti singolarmente in contenitori di cartone a doppio logo. Oggi le mie creazioni fanno parte del vasto assortimento di oggetti,venduti in boutique,che accompagna questa splendida mostra.

Che tipo di legno ha usato per questa collezione?
I bijoux creati per “Propaganda” sono in faggio. Uso sempre del legno massello come quercia, ciliegio, pino, tagliati al laser, dipinti e assemblati a mano con molta cura. La maggior parte delle catene di ottone sono dorate con oro fino (24 carati) in un laboratorio parigino. I gioielli sono realizzati in modo tradizionale, in serie limitate, come nel caso di quest’esposizione.

A quali artisti si è ispirata?
Mi sono ispirata alla “Silhouette de femme” di Kazimir Malévitch e ai modelli disegnati da Varvara Stepanova. Amo molto lo stile grafico, puro, l’utilizzo di motivi geometrici è estremamente elegante.

Il legno, una scelta ecologica?
Certamente. Il legno che utilizzo proviene da alcune foreste sostenibili francesi. Conosco tutti gli attori della filiera, sono tutti certificati. Quest’aspetto è primario nel mio lavoro.

Che cos’è la creatività?
Per me la creatività è la libertà di poter innovare restando nel proprio tempo. Per poter innovare è indispensabile peró avere un buon bagaglio culturale, tecnico e artistico. Senza queste basi “storiche”, per me è difficile che si possa operare un vero cambiamento.

Alicia Andrei
Boutique Grand Palais 

 

Il creautore

Redazione Vivicreativo

Loading Facebook Comments ...